Questo sito utilizza cookie
CORSI SPORT BAMBINI

Corsi Pop Hdemy

Book-shake! Reading letterario & bookcrossing presenta: UGO RICCARELLI legge DI/LETTO

“Book-shake!” Reading letterario & bookcrossing presenta:

UGO RICCARELLI legge “DI/LETTO” (Ed. Voland, 2009)

20100312_reading.jpg
Di letto in letto scorrono le undici storie (dieci racconti e un’appendice), che compongono questa raccolta, emozionante riflessione su un testimone orizzontale delle nostre vite. Il mondo visto dalla parte del letto ci conduce attraverso situazioni molto diverse tra loro come per esempio quella comica di una coppia, in cui lui non riesce a montare il letto, che doveva rappresentare il coronamento di un sogno d’amore, ma anche quella drammatica di una ragazzina che si rifugia nel letto per sfuggire alla violenza del padre. Storie di quotidiane manie, di personali dolori, di gioie inaspettate, di lunghe attese, in uno stile lieve come una carezza prima di andare a dormire.
. Avrà un letto il Padreterno dove andarsi a rifugiare quando è di cattivo umore? Ugo Riccarelli nell'allestire con tocco leggero questi racconti in un libro insolito dedicato ai letti (e il titolo Diletto gioca con la parola) non si fa sfuggire l' occasione per porre una domanda quasi blasfema. Così il mondo visto dalla parte del letto ci conduce attraverso situazioni molto diverse tra loro: da quella comica della coppia che si incasina perché lui non riesce a montare il letto che doveva coronare il loro sogno d'amore eterno, a quella drammatica della ragazzina succube del padre violento, sempre pronto a sfilarsi la cinghia dei pantaloni e a tormentarla con incestuose carezze, che vede piovere un bambino nel suo pollaio. Ma il letto può anche essere quello dell' ospedale, magari il numero 50. Tocca ad un infermiere malato di cancro, ricoverato nello stesso reparto in cui normalmente lavora. È lo stesso letto in cui è morta la moglie di leucemia. Che volete farci? sembra dire l' autore: sono storie di normalissima disperazione. Speriamo, almeno, che Dio si addormenti. (Paolo Mauri, Repubblica — 14 novembre 2009)

Ugo Riccarelli è nato a Ciriè (Torino) nel 1954 da famiglia toscana. Ha studiato filosofia all’Università di Torino. Ha vinto nel 2004 il premio Strega con il romanzo Il dolore perfetto.
Fra gli altri premi ricordiamo il premio Chianti 1996 per Le scarpe appese al cuore; nel 1998 è stato finalista al premio Campiello con il romanzo Un uomo che forse si chiamava Schulz. Tutti i suoi libri sono tradotti in diverse lingue, europee e no.