Questo sito utilizza cookie
CORSI WORKSHOP SPORT BAMBINI
Venerdì, 12 Dicembre 2008 11:28

Sciopero generale in Grecia: tutto paralizzato, scontri al Parlamento e al Palazzo di Giustizia

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Presidi al Consolato e all'ambasciata greca in Italia: con Alexis nel cuore! Governo e polizia que se vayan todos! Assassini! Giustizia per Alexis!

10.12.08 Manifestazioni di solidarietà  in tutta Italia:

Roma [Presidio sotto l'ambasciata greca] Napoli [Presidio al consolato greco] Torino [Presidio al consolato greco ] Bologna [Consolato greco sanzionato dal basso - Presidio e blocco del traffico] Venezia [Occupato l'istituto ellenico]  

ne18.gif (1556 byte)SPAGNA: Represión en Madrid y en Barcelona por el asesinato de Alexis [lahaine.org] 

ImageGrecia 10 dicembre SCIOPERO GENERALE (da GlobalProject) Quattro giorni di mobilitazioni continue, ed oggi lo sciopero generale che sta attraversando la Grecia. In piazza migliaia di persone, uomini, donne precari e molti, tanti studenti. Sullo sfondo di una Grecia che ha tirato fuori la sua rabbia, contro le politiche neoliberiste del governo, il tentativo di riforma dell’università, la precarietà e l’incapacità da parte di arginare la crisi. Stanchi della repressione, delle violenze della polizia, sfociate, nell’ultimo tragico episodio con l’omicidio di Alexandros, oggi in diverse città si è tornato a manifestare. Mentre Il partito dell’opposizione socialista chiede elezioni anticipate e il governo annuncia nuove misure repressive nei confronti dei dimostranti violenti, sullo sfondo cresce la rabbia. Le conclusioni della perizia sulla morte del giovane studente stridono con quanto dichiarato da testimoni oculari e dalle prime dichiarazioni del poliziotto che ha sparato e ucciso Alexandros. In definitiva, il caso rischia di essere archiviato “come un incidente”.

Lo sciopero di oggi ci restituisce l’immagine di un paese tutt’altro che pacificato. Ad Atene lanci di molotv davanti al parlamento. Scontri anche davanti al Palazzo di giustizia. Lanci di bottiglie incendiarie hanno accolto l’arrivo dei due agenti, giunti per essere interrogati. Anche a Salonicco non sono mancati fronteggiamenti con la polizia. Gli scontri sono inziati quando una parte del corteo, composto principalmente, da studenti è giunto davanti a al ministero della Giustizia. Qui il tentativo di sfondamento a cui ha fatto seguito il lancio di lacrimogeni. L’adesione allo sciopero è totale: voli nazionali e internazionali cancellati, banche e scuole chiuse e gli ospedali si limitano ai servizi d’emergenza. 

Proteste ed azioni di solidarietà hanno coinvolto anche diversi paesi europei. A Londra circa 70 attivisti hanno bloccato l’entrata dell’ambasciata greca per un giorno. Il blocco si è concluso con l’arresto di due persone. Azioni di questo tipo ci sono state anche a Edinburgh, Bristol e NewCastle. In Germania proteste in diverse città e una manifestazione si è tenuta a Berlino. Durante la manifestazione l’ambasciata greca è stata occupata. Altre manifestazioni in Germania si sono svolte a Hamburg (de), Dresden (de), Bremen (de) e a Cologne (de). Azioni e inziative anche in Spagna. In Italia azioni a Bologna, Venezia, Roma e Napoli. 

Grecia 9/12: la polizia spara ancora [vai all'articolo]

Letto 4373 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Ottobre 2012 18:13
Altro in questa categoria: « Responsive Layout Customize the Logo »