Cinestesie - L'ora del lupo - 7 giugno

20090607_cinestesie_thumb.jpg

 7/06/09: L'ora del lupo (I. Bergman, 1968)

RASSEGNA: Elogio della Follia: il sentiero oltre la ragione

Nella sua casa d'estate su un'isola Johan Borg (M. von Sydow), pittore famoso, insoddisfatto e misantropo, “padrone” geloso di sua moglie Alma (L. Ullmann) e terrorizzato dalle ore notturne, tiene un diario dove annota i démoni della nevrosi e le allucinazioni che lo tormentano. In un castello vicino, ad Alma, che ha letto il diario, appaiono persone che assomigliano a quei démoni. Elaborazione di un copione (Gli antropofagi) scritto anni prima e girato nel 1966, è un film “terribilmente personale”, uno dei più foschi e appenati di Bergman. Il ricorso all'espediente dei fantasmi è giocato sulle corde di una ironia romantica che, nelle intenzioni dell'autore, è uno strumento per far sì che lo spettatore non s'identifichi con i personaggi, ma mantenga un distacco critico. “Ho osato fare alcuni passi, ma non ho percorso tutta la strada... È un passo barcollante nella direzione giusta” (I. Bergman). .




 

 {tab=La Rassegna}

20090517_cinestesieciclo.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

{tab=La Locandina originale}

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

{tab=La Locandina } 

20090607_cinestesie.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

{/tabs}

Letto 993 volte